_
Il 29 Settembre, il Senatore della Repubblica nonché illustre architetto Renzo Piano ha parlato in merito al progetto “Casa Italia” per il dopo-terremoto che ha colpito il centro Italia il 24 Agosto scorso.
Il progetto in particolare prevederebbe un investimento di 2 miliardi di euro per la prevenzione e sgravi fiscali del 65% per l’adeguamento sismico. (vedi: Il Sole 24 Ore).

Durante il suo intervento, il Senatore ha iniziato parlando di come la diagnostica abbia avuto una notevole importanza nella medicina, andando a rendere le operazioni sempre più mirati, meno invasivi e quindi più efficaci.
La “diagnostica scientifica” quindi può e deve essere applicata anche all’edilizia, in modo da riuscire ad individuare gli interventi di rinforzo più adatti a colmare una carenza strutturale e che al tempo stesso abbiano tempi e costi (in particolare per quanto riguarda il cantiere) minori.

_
Tra i vari metodi di diagnostica, Renzo Piano ha citato la termografia, che in Italia è poco diffusa al contrario del resto del Mondo, pur se gli strumenti più utilizzati all’estero sono di produzione nostrana.

Il discorso ha toccato poi l’importanza di superare il fatalismo legato ai fenomeni naturali, i cui danni infatti si possono senza dubbio prevenire. Infine, una critica è stata mossa alla scarsa attenzione dell’Italia nel preservare il suo patrimonio artistico e culturale, fatto non solo dalle opere monumentali, ma anche dai borghi storici come quello di Amatrice.

Si riporta di seguito il video dell’intervento:

Per maggiori informazioni visitare: Huffingtonpost.it.

Pin It on Pinterest